Treatment Post

Implantologia

“Nessuno dovrebbe terminare la sua esistenza con i denti posati nel bicchiere”.
E’ una frase di forte impatto, pronunciata da Branemark, il fondatore svedese dell’implantologia moderna.
Il concetto principale sarebbe riuscire a non giungere alla perdita dei denti con un programma di prevenzione e manutenzione che contrasti la patologia cariosa e la malattia parodontale (piorrea); e la Svezia in questo ambito è riferimento mondiale per i protocolli e le linee guida.
Ma se il danno è ormai avvenuto, tutti i pazienti meritano comunque una terza dentizione artificiale per un sorriso che sia smagliante e anche confortevole. Oggi soffrire della perdita di uno o più denti influenza negativamente la salute generale del paziente perchè altera la corretta masticazione (con turbe della nutrizione) e aumenta il rischio di perdere anche i denti residui.
Negli anni scorsi, i trattamenti di sostituzione dei denti mancanti prevedevano soltanto i ponti e le protesi rimovibili, ma oggi sono anche disponibili gli impianti in titanio: radici artificiali che vengono posizionate nell’osso mascellare al posto del dente estratto e che, tramite un perno (abutment) vengono poi rivestite da una corona protesica, per sostituire completamente sia per estetica che per solida resistenza la funzione dentale.

Ci sono due modi di utilizzare gli impianti:
– impianti che sostengono la corona per sostituire denti singoli oppure ponti (Impianti Certificati)
– impianti che stabilizzano protesi rimovibili di intere arcate (dentiere con attacchi o barra).
Presso il nostro studio è possibile  inserire gli impianti anche senza utilizzare il bisturi e le suture, tramite la chirurgia tac guidata; possiamo inoltre personalizzare gli abutment in base alle singole situazioni cliniche grazie alla tecnologia CAD-CAM Abutment Atlantis
Quali sono i vantaggi degli impianti?
– miglioramento dell’estetica generale (sembrano denti veri)
– rendono più facile la masticazione (sono saldati con l’osso, la protesi non si muove)
– miglioramento nel parlare e nel comfort generale
– non richiedono la limatura di denti sani per realizzare ponti protesici tradizionali
– durano molti anni, A PATTO CHE NE VENGA GESTITA OTTIMAMENTE L’IGIENE DOMICILIARE E CHE VENGANO RISPETTATI I CONTROLLI TRIMESTRALI E SEMESTRALI DI IGIENE PROFESSIONALE PRESSO LO STUDIO DENTISTICO CHE LI HA APPLICATI.
In caso di scarsi livelli ossei, potrebbe essere possibile recuperare la dimensione originaria con una procedura di rigenerazione ossea guidata o di innesti ossei a seconda del caso specifico del paziente.
COME POSSO SAPERE SE SONO UN PAZIENTE IDEALE PER L’IMPLANTOLOGIA?
Serve una visita presso uno specialista, che verificherà le condizioni di salute generale, i farmaci assunti, le abitudini a rischio di insuccesso (fumo, bruxismo).
Serve inoltre un esame radiologico tridimensionale (CBCT o TC) per misurare con precisione la quantità ossea disponibile ed anche la qualità (osso ben mineralizzato oppure fragile?).
Servono infine registrazioni cliniche come impronte dentali e fotografie intraorali per prevedere anche l’esito estetico finale.
Non si tratta di chiedere un preventivo rapido e gratuito: l’implantologia è una vera e propria chirurgia che richiede uno studio approfondito del paziente, dei rischi, delle tecniche da utilizzare.  Non mettiamo in vendita con offerte promozionali miracolose la sicurezza dei nostri pazienti: i costi dei materiali di qualità, le procedure secondo sterilità, le progettazioni protesiche e la garanzia non potranno mai essere tagliati in nome di politiche commerciali di marketing e falsa convenienza.
I pazienti inoltre pensano che gli impianti siano eterni e che è meglio estrarre un dente e sostituirlo per risolvere definitivamente il problema. Invece:
– come in tutte le branche della medicina, nessuna terapia o “pezzo di ricambio” può essere garantito come efficace per tutta la vita. L’organismo si modifica nel tempo e cambiano le condizioni di salute di tutti i tessuti e gli organi.
– gli impianti si ammalano come i denti; per questo motivo, non sono indicati per i pazienti che hanno perso i loro denti e non hanno modificato la loro capacità di mantenimento igienico domiciliare. Perderebbero anche i denti artificiali e i soldi spesi per metterli.
– sugli impianti si forma la placca batterica e il tartaro: anche gli impianti devono essere puliti, con maggiore difficoltà e frequenza, presso lo studio dentistico con intervento professionale periodico per garantirne la permanenza. Gli impianti che si ammalano si perdono molto velocemente perchè non ci sono terapie efficaci per trattarne le infezioni: dalla parodontite alla perimplantite.
Paradossalmente, quindi, anche se l’implantologia è un’importante risorsa per riacquistare le funzionalità estetiche e masticatorie del cavo orale, non sempre è la soluzione migliore.
Il peggiore dei denti rimane preferibile al migliore degli impianti; se possibile, daremo sempre priorità a terapie conservative e non estrattive.

Compila il modulo e scopri di più

Entra in contatto con lo Studio Dentistico Malara